<< indietro | avanti >>
La cattedrale di Alba

Cattedrale di Alba

Johnny smaniò per la nostalgia. Si fissò a guardare dov’era la sua casa, giaceva sepolta sotto i rossigni contrafforti della cattedrale. Johnny compì il miracolo di enuclearla in elevazione, ecco la sua casa, col suo caro contenuto, librata in aria, nel vuoto contiguo ai contrafforti aerei della cattedrale (...) Poi la casa precipitò, come Johnny mancò per un attimo di tenerla sollevata con la sua forza intima.

Beppe Fenoglio
da "Il partigiano Johnny"




Il portico della cattedrale

Portico della cattedrale di Alba

Era un pomeriggio color d’albicocca, quello del 10 giugno, e le brezze dal fiume tentavano inutilmente di espugnare l’affocata piazza del Municipio, mediovalmente murata (...) Il popolo arrivava, e presto la piazza ne fu imbottita fino all’ultima selce. Sotto il portico della cattedrale, tra luce e ombra, stava un drappello di preti, le spalle alla chiesa, imbottigliati in tonache dai guizzanti riflessi, strofinandosi le soffici mani bianche.

Beppe Fenoglio
da "Primavera di bellezza"




Cattedrale di Alba